Termoventilatori, i vantaggi dei modelli con funzione ‘Eco Energy’

I sistemi di riscaldamento elettrici o a gas sono molteplici, a partire dalla rete degli impianti domestici autonomi o centralizzati. Vogliamo soffermarci sui termoventilatori per conoscerne meglio la struttura, la funzionalità e i molteplici vantaggi. Se si ha bisogno di riscaldare occasionalmente un ambiente, sia residenziale che di lavoro, come una seconda casa, uno spazio ristretto o un ufficio, la soluzione più semplice e conveniente potrebbe essere un buon termoventilatore elettrico, un apparecchio portatile e funzionale che riscalda in pochi secondi regalando una piacevole sensazione di comfort e tepore. Prima di acquistare un termoventilatore, bisogna fare qualche considerazione, ad esempio sugli spazi da riscaldare, perché se sono particolarmente ampi questa soluzione è sconsigliata, a vantaggio di altri prodotti di climatizzazione o riscaldatori a gas.

Se, invece, si ha bisogno di riscaldare un bagno, una cameretta, uno studiolo o un ambiente di lavoro raccolto come un piccolo ufficio, allora il termoventilatore è proprio quello che ci vuole, anche se il mercato propone modelli capaci di riscaldare pure superfici più ampie. In questi casi si può optare per termoventilatori ad alto wattaggio, fino a 2000 watt e oltre e, comunque, mai sotto i 1800 watt se bisogna riscaldare grandi ambienti, meglio se provvisti di un’oscillazione volta a distribuire il calore in ogni angolo della stanza.  I termoventilatori di ultima generazione sono ancora più equipaggiati di funzioni migliorative, che comprendono la presenza di display luminosi, telecomandi e maniglie ergonomiche. I migliori modelli in commercio si avvalgono anche di filtri antipolvere che possono essere rimossi con facilità per essere opportunamente ripuliti.

Se si prevede un uso del termoventilatore non saltuario, ma quotidiano è preferibile acquistare un modello con funzionalità ‘Eco Energy’ per poter alternare, a seconda della necessità, i gradi di potenza per poterli regolare anche in base ai consumi. Per chi sta spesso fuori casa anche per lavoro, si rivela particolarmente utile il timer, che serve a programmare da remoto il funzionamento dell’apparecchio, potendo gestire il potenziale termico del dispositivo per far trovare la casa calda al rientro, previa impostazione oraria, senza inutili sprechi. Una panoramica dei migliori modelli in commercio è disponibile sulla vetrina virtuale del sito www.guidatermoventilatore.it.